Letture totali: 9350

Area: Ambiente e Territorio

Ufficio: ECOLOGIA (Servizio qualità dell'ambiente)

Ecco gli interventi previsti dal Comune sulle aree pubbliche e le indicazioni per eliminare questa pianta infestante con la collaborazione di tutti i cittadini.

 

L’ambrosia è una pianta infestante che ultimamente si è molto diffusa anche nei Comuni della nostra zona provocando gravi allergie con sintomatologie asmatiche.

Fiorisce tra agosto e settembre, soprattutto sui terreni coltivati a cereali dopo il raccolto e nelle aree incolte o abbandonate: se non viene estirpata o sfalciata per tempo produce grandi quantità di polline.

L’Amministrazione Comunale ha disposto per le aree pubbliche l’esecuzione di interventi periodici di pulizia e sfalcio.
Al contempo chiede la collaborazione di tutti i cittadini per evitare i danni provocati da questa pianta e limitarne il più possibile la diffusione anche sulle aree private.

A CHI RIVOLGERSI: 

 

 

 

COSA OCCORRE:

I proprietari e i conduttori di terreni incolti o coltivati, di aree industriali dismesse o spazi verdi abbandonati, i responsabili di cantieri edili e di infrastrutture viarie e gli amministratori di condominio devono verificare l’eventuale presenza di ambrosia nelle aree di loro pertinenza e accertarsi che vengano effettuati tre sfalci, il primo durante la terza decade di giugno il secondo nella terza decade di luglio e il terzo nella seconda decade nel mese di agosto.

Per quanto riguarda le aree agricole è ammissibile l’esecuzione di un solo intervento nella prima metà di agosto, pianificando un ulteriore sfalcio in caso di necessità all’inizio di settembre, se la stagione climatica dovesse favorire la ricrescita degli arbusti con successive fioriture.

In ogni caso, è importante osservare sempre le condizioni del campo per valutare il periodo e il numero degli interventi, intervenendo sempre prima della fioritura.

È possibile utilizzare anche altri metodi di contenimento dell’ambrosia, sia sui terreni agricoli (trinciatura, diserbo, aratura e discatura) che nelle aree urbane (pacciamatura, estirpamento, aratura e discatura).

Tutti sono invitati a tenere sempre puliti da ogni tipo di erba infestante gli spazi aperti di propria pertinenza (cortili, parcheggi e marciapiedi interni) e a seminare i propri terreni con colture semplici che contrastano lo sviluppo dell’ambrosia (come il prato inglese o il trifoglio).

COSTI:
 

In caso di violazione delle disposizioni verranno applicate le previste sanzioni e ordinata l’esecuzione degli sfalci, nei casi di mancato intervento si provvederà d’ufficio addebitando al proprietario i costi sostenuti.

NOTE: 

Per informazioni di carattere generale, rivolgersi a Servizio Qualità dell'Ambiente.

 

Per segnalazioni relative a spazi e aree pubbliche, rivolgersi a Servizio Strade e Verde.

 

Per segnalazioni su terreni privati, rivolgersi a Polizia Locale.

 

DOCUMENTI DISPONIBILI

  •  Ordinanza
  •  Manifesto