Letture totali: 13031

Area: Sicurezza e Viabilità

Ufficio: POLIZIA LOCALE

 

 

A CHI RIVOLGERSI: 

Richiesta di occupazione di suolo pubblico

In caso di occupazione di suolo pubblico a qualsiasi titolo, l’utente deve rivolgersi alla Società ICA srl - Via San Vitale 12, telefono 0362/23.16.03 – indirizzo posta elettronica: occupazionesuolo.seregno@icatributi.it

NORME COMUNALI O SUPERIORI: 

Introdotto con la Legge di Bilancio 2020, il Canone Unico di Concessione sostituisce il Canone Occupazione Suolo Pubblico e l'Imposta sulla Pubblicità.

Il presupposto del nuovo Canone è costituito da:

  1. a) l’occupazione, anche abusiva, delle aree appartenenti al demanio o al patrimonio indisponibile degli enti e degli spazi soprastanti o sottostanti il suolo pubblico;
  2. b) la diffusione di messaggi pubblicitari, anche abusiva, mediante impianti installati su aree appartenenti al demanio o al patrimonio indisponibile degli enti, su beni privati laddove siano visibili da luogo pubblico o aperto al pubblico del territorio comunale, ovvero all’esterno di veicoli adibiti a uso pubblico o a uso privato.

Il canone è determinato, in base alla durata, alla superficie, espressa in metri quadrati, alla tipologia e alle finalità, alla zona occupata del territorio comunale in cui è effettuata l’occupazione o diffusione di messaggi pubblicitari. E’ applicata la tariffa annua nel caso in cui l’occupazione si protragga per l’intero anno solare (occupazioni permanenti, che si hanno quando la concessione è annuale e le strutture poste sul suolo non vengono rimosse, sottraendo il suolo permanentemente all’uso generale dei cittadini) E’ applicata la tariffa giornaliera nel caso in cui l’occupazione si protragga per un periodo inferiore all’anno solare (occupazioni temporanee, che si realizzano quando, indipendentemente dalla durata della concessione, le strutture poste sul suolo vengono rimosse una volta terminata l’attività) Qualsiasi occupazione di aree o spazi, anche se temporanea, è assoggettata ad apposita preventiva concessione comunale, rilasciata dall’ufficio competente su domanda dell’interessato. Le occupazioni realizzate senza la concessione comunale sono considerate abusive.

 

I Regolamenti che disciplinano il Canone Unico Patrimoniale sono due: regolamento comunale per la disciplina del canone di concessione, autorizzazione o esposizione pubblicitaria e regolamento per la disciplina del canone patrimoniale di concessione per l’occupazione delle aree e degli spazi appartenenti al demanio o al patrimonio indisponibile destinati ai mercati.

In particolare, per il primo anno di applicazione 2021, preme evidenziare la previsione della cd. “clausola di salvaguardia” finalizzata a tutelare quelle fattispecie che, a seguito dell’applicazione nuovi coefficienti di calcolo, dovuti in base alla normativa statale, potrebbero incorrere in aumenti tariffari. Ciò al fine di conservare un regime di imposizione fiscale equivalente a quello dell’anno precedente.

 

Con determina dirigenziale n.253 del 19 /04/ 2021 la gestione del canone unico patrimoniale è stata data in gestione ad ICA srl. Per ogni informazione relativa al canone rivolgersi all’Ufficio sito in Via San Vitale 12, telefono 0362/23.16.03 – indirizzo posta elettronica: ica.seregno@icatributi.it

 

Come previsto dall’art. 6 del Regolamento, secondo quanto stabilito dalla Deliberazione di Giunta Comunale n. 252 del 12/10/2010, gli uffici competenti possono richiedere il versamento di un deposito cauzionale o di una fideiussione bancaria o polizza assicurativa fideiussoria con clausola di pagamento a prima richiesta, nei seguenti casi:

  • l'occupazione comporti la manomissione dell'area occupata, con conseguente obbligo di ripristino dell'area stessa nelle condizioni originarie;
  • dall’occupazione possano derivare danni di qualsiasi natura al bene pubblico;
  • particolari motivi e circostanze lo rendano necessario in ordine alle modalità o alla durata della concessione.

Secondo quanto previsto dalla Delibera GC 252/2010, per le occupazioni di suolo pubblico legate a lavori, traslochi, potature e simili è previsto il versamento di un deposito cauzionale che verrà svincolato a ultimazione dei lavori dopo che l’ufficio competente abbia riscontrato che non ci sono stati danneggiamenti del suolo pubblico a seguito dell’occupazione.

In alternativa al deposito cauzionale è possibile presentare una polizza fideiussoria annuale.

L’ammontare del deposito cauzionale è determinato in base alla superficie, espressa in metri quadrati, alla tipologia della pavimentazione stradale o del suolo pubblico, e alle modalità di occupazione della zona.

Le modalità per il versamento e l’importo verranno comunicati dai competenti uffici direttamente a seguito di presentazione della domanda di occupazione di suolo pubblico.

 

NOTE: 

Qualora fosse richiesta l'adozione di un  provvedimento viabilistico di divieto di sosta o chiusura stradale, alla domanda di occupazione deve essere allegato il modulo "richiesta provvedimento viabilistico"

DOCUMENTI DISPONIBILI

  •  OCCUPAZIONE PER LAVORI
  •  REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL CANONE PATRIMONIALE DI CONCESSIONE
  •  REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL CANONE PRATRIMONIALE DI CONCESSIONE - AREE MERCATALI
  •  CLASSIFICAZIONE IN CATEGORIE DELLE STRADE E DELLE PIAZZE
  •  TARIFFE CANONE UNICO 2021
  •  RICHIESTA PROVVEDIMENTO VIABILISTICO
  •  MANIFESTAZIONI TEMPORANEE
  •  OCCUPAZIONE TEMPORANEA
  •  OCCUPAZIONE PERMANENTE
  •  AUTORIZZAZIONE EVENTO