Vai al menù principale |  Vai ai contenuti della pagina
Iniziative in programma per un anno

«NO AL GIOCO D’AZZARDO»: L’AMMINISTRAZIONE SI AGGIUDICA 30.000 EURO

LETTURE: 237
Pubblicato il: 15/06/2017    Segnala pagina su Facebook Segnala
 
Finanziato il progetto dell’Ambito territoriale dei servizi sociali di Seregno da Regione Lombardia.

«Un grande successo – dichiara il Sindaco di Seregno Edoardo Mazza, Comune capofila - che ci spinge a lavorare con ancora più convinzione per combattere la piaga sociale della ludopatia, schierandoci in maniera forte e decisa per contrastare il gioco d'azzardo patologico».

 

Il progetto seregnese di contrasto alla Ludopatia è stato finanziato con 30.000 euro all’interno dei 91 progetti approvati da Regione Lombardia ed è risultato tra i 22 che hanno ottenuto il massimo del finanziamento regionale previsto dal bando. Il secondo progetto per punteggio, a conferma della qualità della proposta.

 

Regione Lombardia attraverso il Bando regionale per il contrasto al gioco d'azzardo patologico finanzia il progetto con un contributo di 30.000 euro, il cui budget complessivo per la realizzazione delle azioni previste è di 46.000 euro, risorse disponibili grazie al forte partenariato costituitosi con il terzo settore.

 

«Abbiamo proposto idee concrete e valide di contrasto al gioco d'azzardo patologico - dichiara Ilaria Anna Cerqua, assessore ai Servizi sociali del Comune di Seregno e presidente dell’Ambito territoriale dei servizi sociali - Dobbiamo fermare quella che può essere definita una delle nuove droghe del terzo millennio».

 

Il progetto coinvolge Seregno, Comune capofila, e i Comuni dell’Ambito territoriale dei servizi sociali nonché i partner pubblici, «ATS Brianza» e «ASST Vimercate», e privati, «CS&L consorzio sociale», «Casa Del Giovane - Cooperativa Sociale», «Pro Loco Giussano» e «Atipica Cooperativa Sociale Onlus».

 

Tra le azioni previste una particolare attenzione alla sicurezza e alla vigilanza. «Saranno promossi specifici percorsi formativi per gli agenti di Polizia Locale. – afferma l’Assessore alla sicurezza Giacinto Mariani Si provvederà, in questo modo, ad organizzare dei controlli sistematici sul territorio al fine di dissuadere l’adozione di comportamenti illeciti nell’ambito dell’uso delle cosiddette “macchinette”».

 

Le azioni «No Slot» coinvolgeranno i commercianti del territorio, come spiega l’assessore alle Politiche produttive e commerciali Gabriella Cadorin: «Racconteremo ai commercianti le esperienze positive di dismissione di macchine da gioco da parte degli esercenti che hanno effettuato questa scelta. Perché è con gli esempi concreti che possiamo combattere la piaga del gioco d’azzardo».

 

Gli interventi saranno realizzati nel corso di un anno, dal 3 luglio 2017 al 3 luglio 2018.